Se c’è una parola a cui è difficile dare un significato lineare e univoco è la felicità. La felicità ha molte definizioni e, soprattutto, accezioni e interpretazioni che cambiano con il tempo e con la cultura. Gli studiosi sociali, gli economisti anche attraverso l'uso di categorie filosofiche analizzano la società con i dati a disposizione e ne interpretano i valori. Uno di loro, è Luciano Canova, economista sperimentale che nel saggio "Il metro della felciità" fa un'analisi scientifica, filosofica e sociale sulla felicità e sul modo in cui essa impatta nella vita quotidiana. Egli definisce l'economia come "scienza delle decisioni", in quanto i protagonisti delle “scelte economiche” sono gli esseri umani e gli esseri umani sono fatti di ratio e di emozioni. Nel capitolo "Le misure della felicità a lavoro" affronta il tema del benessere soggettivo all'interno della dimensione lavorativa e del rapporto tra felicità e qualità del lavoro. Infatti come lo stesso autore afferma: "lo stare bene si traduce in un migliore clima lavorativo e in una maggiore soddisfazione che, a loro volta, possono aumentare la produttività dell’azienda".

Un libro vivace, appassionato e interessante che offre diversi spunti interpretativi che permettono di comprendere  il fine delle società benefit, società che esprimono al meglio il rapporto che intercorre tra la produttività dell'azienda e il benessere soggettivo del lavoratore.

Il link alla pagina dello shop della Casa Editrice Mondadori dove poter acquistare il libro

https://www.librimondadori.it/libri/il-metro-della-felicita-luciano-canova/

Categoria: 
Data documento: 
Sunday, March 10, 2019